© 2012 Globalarte - All rigths reserved.

Disegno Anatomico

Nel disegno anatomico, usato per la rappresentazione grafica della figura umana, la posizione anatomica usata è quella eretta della stazione verticale simmetrica, dove il peso del corpo poggia su tutte e due le gambe (diversamente dalla stazione verticale asimmetrica, dove il peso del corpo poggia su una sola gamba, mentre l’altra è leggermente flessa e posta in avanti). La figura umana, vista di fronte e di lato, è posta su di un’asse (asse mediano) perpendicolare alla linea di terra, sul quale asse vengono poi individuati alcuni punti, corrispondenti alla posizione di alcuni organi, essenziali per la costruzione della figura stessa. Tracciato quindi un’asse perpendicolare alla linea di terra, si adopera un sistema modulare, fatto di moduli, per determinare l’altezza, la larghezza e la profondità della figura umana, che viene così inscritta in due rettangoli. Un primo rettangolo ABCD, usato per la figura vista di fronte, fatto di 8 moduli per l’altezza e di 2 moduli per la larghezza e diviso in due parti uguali dall’asse mediano che incontra il lato AB in un punto y, che congiunto con C e con D, determina due diagonali che saranno essenziali per la costruzione della figura. Un secondo rettangolo EFGH, usato per la figura vista di lato, fatto di 8 moduli per l’altezza e di 1 modulo + 1/6 di modulo (misura del piede) e diviso in due parti uguali dall’asse mediano. L’unità di misura del singolo modulo corrisponde all’altezza della testa che va dal cranio al mento. Chiamiamo questa misura MT (Modulo Testa).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vedere anche Anatomia Artistica

Disegno Anatomico Della Figura Umana: